In campo o fuori, non fa differenza

I trattori Steyr destinati a operare sia in campo agricolo sia nel settore delle manutenzioni urbane dispongono di un’interfaccia atta al montaggio di ogni attrezzatura, possono essere equipaggiate con gomme e proiettori speciali e sono disponibili in color bianco-arancio

Steyr

L’attuale gamma Steyr è composta da cinque famiglie di trattori il cui attacco è dato dai modelli “Kompakt”, disponibili anche in versione “S” e caratterizzati da un range prestazionale che spazia dai 58 ai 114 cavalli. Fra i 99 e i 177 cavalli si sovrappone alla gamma “Kompakt” la gamma “Multi”, composta da trattori progettati in un’ottica di grande versatilità. A seguire la linea di prodotto “Profi” che copre le potenze comprese fra i 116 e i 145 cavalli risultando disponibile anche con trasmissioni cvt e la gamma “Cvt” mossa da unità a quattro o sei cilindri di potenze comprese fra i 140 e i 270 cavalli. Al top la gamma “Terrus Cvt”, i cui motori a sei canne propongono prestazioni comprese fra i 250 e i 300 cavalli. Nel complesso un’offerta basata su 35 diversi modelli, in grado di proporre tutti i più moderni contenuti tecnici di settore e, vera esclusiva, anche disponibile in allestimenti speciali per andare incontro alle esigenze di chi opera spesso in termini di manutenzioni urbane. Viarie, invernali e del verde. Le macchine destinate a tali utilizzi sono in effetti dotate di un apposito telaio che tramite due longheroni collega la parte terminale del carro a una piastra frontale su cui vanno a staffarsi le diverse attrezzature. Il sistema prende il posto dell’attacco a tre punti ed è integrabile da un impianto idraulico preposto al blocco delle oscillazioni dell’assale anteriore. Ne deriva una struttura robusta e stabile che può alloggiare qualsiasi attrezzatura, dalla pala apripista alle turbine da neve fino alle spazzole a rullo per la manutenzione dei tappeti erbosi di pregio, permettendo il montaggio e lo smontaggio rapido delle stesse. Le particolari missioni operative di queste macchine sono poi ulteriormente assecondate dalla possibilità di disporre di una nutrita serie di equipaggiamenti dedicati nell’ambito dei quali si evidenziano i pneumatici specialistici per fondi duri, innevati o green, le sovrastrutture di protezione per le cabine in caso di utilizzi forestali e diversi sistemi di illuminazione per agevolare le attività notturne. Possibile anche adeguare le trasmissioni agli usi specifici spaziando fra cambi idraulici più o meno automatizzati e gruppi cvt, i più indicati quando si deve lavorare slegando le velocità di avanzamento dal regime motore così da adeguare sia le prime sia il secondo all’uso specifico. Rientrano poi nelle stessa ottica anche i sistemi “S-Stop II” e “Quick Turn II” che facilitano la gestione del cantiere di lavoro minimizzando le manovre. “S-Stop II” permette di controllare avanzamenti e retro col solo pedale del freno regolando automaticamente la frizione, mentre “Quick Turn II” definisce il rapporto di sterzata, cioè il numero di giri di volante necessari per passare da un fermo ruota all’altro. Nel caso poi i trattori dovessero essere destinati a utilizzi particolarmente pesanti c’è anche la possibilità di disporre, per la gamma Kompakt, di versioni heavy duty che si caratterizzano per la presenza di assali rinforzati, carreggiate un po’ più larghe e capacità di carico più elevate. Quanto sopra, senza dimenticare che tutti i mezzi possono essere acquisiti in color arancio per meglio integrarsi nei parchi macchine delle municipalizzate.