Dieci anni di successi

Dal lancio, nel 1998, i Fendt serie “700 Vario” sono ai vertici della propria classe di mercato. Da sei anni anche protagonisti delle Top Ten italiane. Sempre sul podio e spesso al primo posto. La dimostrazione dell’ottimo equilibrio fra funzionalità e costi di gestione raggiunto dai trattori tedeschi

Fendt serie 700 Vario

1996. Fendt lancia il suo primo trattore equipaggiato con la trasmissione continua “Vario”. È un “926”. Un mezzo di alta potenza che all’inusuale powertrain abbina anche contenuti tecnologi e automatismi che lo rendono decisamente esclusivo e unico nel panorama trattoristico mondiale. Proprio per questo viene guardato dalla concorrenza con un certo scetticismo, complice anche un prezzo di listino che non si poteva certo definire “popolare”. L’utenza, però, capì che “926 Vario” in termini di rapporto produttività/prezzo valeva tutti i soldi che costava e decretò il successo della macchina spingendo Fendt ad allargare verso il basso la linea di prodotto “Vario”. Lo fece nel 1998, con il lancio dei “700 Vario”, trattori di prestazioni medio-alte, fra i 150 e i 246 cavalli, caratterizzati anche da rapporti peso/potenza competitivi che, nel caso del top di gamma “724 Vario” scendevano al di sotto dei 34 chili per cavallo. Ne derivavano mezzi più agili e scattanti degli usuali standard di categoria e quindi fruibili per far fronte a un’ampia gamma di attività, a partire dalle manutenzioni aziendali per arrivare alle attività pesanti in campo aperto passando attraverso i traini su strada. In tale ambito, tra l’altro, si esalta la possibilità, là dove il codice lo permette, di marciare a 50 all’ora o, come in Italia, a 40 all’ora a regime motore ridotto. Una elevata versatilità di impiego quindi, peculiarità che abbinata alla facilità di gestione indotta dalla trasmissione “Vario” e dai consumi contenuti delle macchine fu probabilmente alla base del successo commerciale maturato dai “700 Vario” già negli anni successivi al loro lancio. A conferma, il fatto che dal 2013 a oggi le macchine sono sempre state inserite fra i primi tre trattori di potenze medio/alte più venduti in Italia conquistando il primato nel 2015, nel 2016 e nel 2018, anno in cui hanno fatto loro oltre al primo anche il secondo posto assoluto coprendo più del 30 per cento dei volumi di immatricolazione realizzati dai primi dieci trattori di classe “E”. 162 macchine su un totale di 547. E quando una qualsiasi macchina viene premiata dal proprio mercato di riferimento una ragione c’è sempre, a maggior ragione se si propone con listini superiori alle medie di categoria. Nel caso dei “700 Vario” molto aiuta in tal senso l’immagine del marchio Fendt, ritenuto dall’immaginario collettivo di settore il più attento in assoluto alla qualità del prodotto, ma è anche vero che proprio i “700 Vario” sono stati trattori che più di ogni altro hanno contribuito a creare tale immagine, non foss’altro che per il fatto di essere stati i primi “Vario” immessi sul mercato dopo l’esordio del già citato “926”. Innovativi, ben costruiti, affidabili e confortevoli, i Nostri hanno convinto tutti gli agricoltori d’Europa contribuendo non poco a collocare il proprio marchio fra i tre più venduti in Europa.