Kuhn: concepite per i grandi

Contoterzisti e grandi aziende agricole per minimizzare i tempi di lavoro e massimizzare le rese è bene che strutturino i rispettivi parchi macchine partendo dalle potenzialità operative delle attrezzature adeguando poi di conseguenza le potenze dei trattori. Sebbene sembri irreversibile l’emorragia delle aziende agricole in Italia, a oggi ne sono ancora censite circa un milione e centomila, volume lontano da quello in essere solo venti fa, circa un milione e 600 mila aziende, ma ancora ragguardevole. A cedere son state soprattutto le realtà meno strutturate, quelle di stampo famigliare, operanti…

Read More

Claas: sinonimo di prestazioni

Con il lancio delle sue mietitrebbia ibride serie “Lexion” Claas nel 1995 rivoluzionò il settore della raccolta meccanizzata, introducendo nuove e superiori prestazioni. Quantitative e qualitative. Ora, con il lancio delle “Lexion” serie “7000” e “8000” un nuovo passo avanti,voluto per ribadire una leadership conquistata dal Marchio di Harsewinkel più di 25 anni fa e ancora oggi ininterrotta. Quando un marchio diventa sinonimo di un prodotto, vuol dire che ha raggiunto il massimo della popolarità nel proprio ambito d’azione. In campo automotive, per esempio, vengono usualmente chiamate Jeep tutte le…

Read More

McCormick: tre per tutti

Orientati alle esigenze delle aziende a vocazione mista, i tre medium utility McCormick serie “X6.4” propongono strutture e soluzioni tecnico-funzionali in grado di ottimizzarne l’efficienza in funzione delle più diverse esigenze applicative. Progettati e sviluppati per rispondere alle più diverse esigenze operative, i medium utility McCormick serie “X6.4” si propongono quali macchine poliedriche in grado di soddisfare, in particolare, le necessità applicative delle aziende a vocazione miste che affiancano quotidianamente alle lavorazioni in campo aperto e alle applicazioni foraggere anche i trasporti su strada e le movimentazioni in ambito zootecnico.…

Read More

Fendt: upgrade strategico

Fendt amplia la propria offerta di mietitrebbia con la nuova autolivellante “5275 C Sl”, macchina in grado di affrontare con successo pendenze nell’ordine del 38 per cento in senso trasversale, del 35 per cento in salitae del dieci per cento in discesa. A fronte di un mercato italiano che nella stagione scorsa è stallato attorno alle 300 unità risultando quindi in calo rispetto alle stagioni pregresse, il peso sul comparto del marchio Fendt è andato via via accentuandosi arrivando nel volgere di cinque stagioni commerciali a raggiungere il sei e…

Read More

New Holland: dalle parole ai fatti

Da oltre 15 anni New Holland lavora per promuovere produzioni agricole più efficienti e sostenibili di quelle tradizionali. Rientrano in tale ottica la costante offerta di tecnologie tese ad accentuare le rese e la spinta verso l’uso di combustibili rinnovabili, in primis il biometano. Nel 2006 New Holland lanciò il progetto “Clean Energy Leader” teso a promuovere lo sviluppo di soluzioni produttive atte a minimizzare l’impatto del settore agricolo sull’ambiente. In auge ancora oggi, il progetto si basa su quattro pilastri il primo dei quali è rappresentato dalla possibilità di…

Read More

Landini: compatti di razza

Il nome, “Rex3 F”, non cambia, ma assieme alle trasmissioni è uno dei pochi contenuti che le versioni 2021 dei “Rex3 F” mutuano dai loro predecessori. All’atto pratico accade che Landini, dovendo aggiornare i motori dei suoi compatti specialistici, non si sia limitata a una sorta di “copia-incolla” elettro-meccanico, ma abbia approfittato dell’occasione per effettuare un ampio upgrade tecnico-funzionale delle macchine, operazione peraltro ben visualizzata anche esteticamente dal nuovo look delle cofanature. Nuovo design dunque, ispirato a quello che nel febbraio 2020 venne proposto dai serie “7” in quel di…

Read More

Merlo: verdi dentro

Caposaldo di una filosofia imprenditoriale votata alla costante evoluzione tecnologica, l’innovazione è da sempre parte del dna Merlo. Il Gruppo cuneese nel corso dei suoi 55 anni di attività è stato infatti spesso e volentieri precursore di tendenze che sarebbero poi diventate standard di settore, abbracciate da tutti i principali costruttori operanti nel segmento dei sollevatori telescopici. Un esempio in tal senso è il lancio nel 1996 dei modelli “Turbofarmer”, i primi sollevatori telescopici espressamente orientati all’agricolo ed equipaggiati con un sollevatore posteriore che ne permetteva a tutti gli effetti…

Read More

Case Ih: er più

Con i suoi 692 cavalli di potenza massima “QuadTrac 620” di Case Ih è il trattore più potente acquistabile in Europa e uno dei più potenti del Mondo. La robotizzazione spinta delle sue funzionalità e il pacchetto di assistenza al lavoro “Afs Connect” ne fanno però una macchina comunque docile e di facile gestione. Un peso che supera le 24 tonnellate. Una potenza motore che sfiora i 700 cavalli e un impianto idraulico che può erogare fino a 428 litri di olio al minuto. All’atto pratico masse e prestazioni che…

Read More

Valtra: personal worker

Progettati per raccordare gli aziendali serie “A” con i campo aperto serie “N”, i nuovi Valtra “G” si propongono in quattro tarature di potenza e tre allestimenti tutti ampiamente personalizzabili per rispondere alle diverse esigenze applicative tipiche delle aziende agricole a vocazione mista. A inaugurare il nuovo programma di rinnovamento della gamma Valtra è l’inedita serie “G”, una serie di macchine che amplia l’offerta della Casa nel segmento dei campo aperto di media potenza delineando anche una ridefinizione dell’intera linea linea di prodotto Valtra giocata sulla possibilità di attingere le…

Read More

New Holland: la terza via

Progettata per trasporre sui modelli di classe media le capacità produttive delle versioni di classe superiore, la nuova mietitrebbia ibrida “Ch 7.70” di New Holland porta al debutto l’inedita tecnologia “Crossover Harvesting”, realizzata mediante l’affiancamento di una separazione biassiale “Twin Rotor” a soluzioni di trebbiatura convenzionali. Fino alla fine del secolo scorso la priorità era il tempo. In campo, durante le fasi di raccolta, la quantità del lavoro svolto era prioritaria rispetto alla qualità dello stesso e di conseguenza l’imperativo vigente era quello di portare a termine le attività in…

Read More