Con John Deere “300M” l’azienda entra nel business delle irroratrici semoventi

John Deere 300M

Intelligente, compatta e dotata di cabina frontale: la nuova “300M” segna l’ingresso di John Deere nel business delle irroratrici semoventi in Italia. Dotata delle tecnologie di Precision Ag più recenti, un ridotto raggio di sterzata e due tipi di barre, con e senza manica d’aria, la “300M” è la nuova irroratrice specializzata per i campi di medio-grandi dimensioni e colture ad elevato valore.  Due nuovi modelli Vengono introdotti due modelli: la “332M” e la “340M“. La “332M” presenta un serbatoio da 3200 litri e motore John Deere a 4 cilindri…

Read More

Krone serie “Big X”, trinciature su misura

Le pratiche di fienagione abbracciano diverse colture e ciò comporta anche l’adozione di altrettanti approcci tecnico-gestionali delle medesime. Sebbene producano fieno e garantiscano più sfalci all’anno, un campo coltivato a erba medica è diverso da uno a loiessa, o ancora da un erbaio misto. A questi si aggiungono i cereali autunno-vernini come orzo e triticale, da raccogliere a metà primavera quando le loro cariossidi si presentano a un grado di maturazione latteo-cerosa. Un solo taglio annuo con annessa trinciatura, quindi, ma in grado di portare diverse tonnellate di materiale verde…

Read More

Merlo “Multifarmer”: comfort e tecnologia

Tempi duri per chi ama lavorare su basi programmate e certe. Mai come di questi tempi è in effetti difficile prevedere l’evolversi dei mercati, in particolare per quelle attività che, come l’agricoltura e la zootecnia, oltre a essere condizionate da una miriade di fattori economici risultano anche in balia di instabilità climatiche che penalizzano le rese. In tale contesto è ovvio che gli investimenti in mezzi di lavoro debbano essere ponderati con grande attenzione, soprattutto se importanti perché orientati a rinnovare o ampliare i parchi macchine. D’obbligo in questo caso…

Read More

Claas gamma “Trion”, mietitrebbia dalle risposte concrete

Tenutasi a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti, dal 30 novembre al 12 dicembre scorsi, la 28.esima edizione della conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, in sigla “Cop 28”, ha riposizionato l’agricoltura al centro dello scenario economico-ambientale mondiale. L’annuale riunione dei Paesi che hanno aderito all’evento ha infatti cambiato per la prima volta i tradizionale paradigmi di discussione tralasciando sia i soliti discorsi generici e scontati inerenti la necessità di tutelare l’ambiente sia quei velleitari propositi di cambiamenti epocali che in Europa si sono concretizzati nell’utopistico programma “Green Deal”. Le…

Read More

Con “Agri Pivot T80” di Dieci gestione dei carichi anche in automatico

agri pivot t80 dieci

Ufficialmente può muovere carichi fino a 35 quintali e scaricare sfusi fino a quasi quattro metri e mezzo di altezza. Mette inoltre a disposizione una forza di strappo di 60 tonnellate e una capacità di traino di 66, prestazioni vicine a quelle proposte dal sollevatore top di gamma che Dieci propone nell’ambito della sua serie “AgriFarmer”, il modello “34.7”, il cui braccio telescopico supera però con il suo snodo i sei metri di altezza. Messa in questi termini e considerando che il divario dei prezzi di listino fra pala e…

Read More

La signora in rosso di Case Ih: ecco la mietitrebbia “Af11”

Sulla base degli ultimi censimenti agricoli italiano e statunitense, le superfici medie dei due comparti primari evidenziano estensioni imparagonabili tra loro. 188 ettari al di là dell’Oceano Atlantico, 14 ettari e mezzo nel Belpaese. Una differenza quasi abissale che seppur nota e giustificata anche dalle differenti conformazioni orografiche dei due Paesi sembra legittimare pienamente la scelta compiuta da Case Ih di presentare e iniziare a commercializzare esclusivamente in Nord America la nuova mietitrebbia top di gamma “Af11” orientata a supportare i cicli di raccolta intensivi eseguiti su ampie estensioni. Nuova…

Read More

Sistema Merlo “Hi-Flow”, obiettivo efficienza

Quando una macchina agricola dispone di un impianto idraulico preposto ad azionare attrezzature esterne è prassi che mantenga sempre tale circuito a una pressione minima di lavoro denominata “pressione di stand by”, quella necessaria per assicurare risposte immediate alle richieste energetiche avanzate dagli operatori. Tale pressione è normalmente superiore a quella minima di lavoro, si innesca nel volgere di pochi secondi dopo che la macchina in questione è stata avviata. Si mantiene poi che se l’impianto idraulico non viene usato fino a quando la stessa macchina viene spenta. Ne deriva…

Read More

John Deere serie “S7”, automatic for the people

Pubblicato nel 1992, “Automatic for the people”, con 18 milioni di copie vendute fu l’album che consacrò i Rem come la rock band simbolo di una generazione. Il titolo, all’epoca apparentemente bizzarro, si rifaceva allo slogan di un locale vicino all’Università statunitense di Athens, nello stato della Georgia, che aveva da poco iniziato a sperimentare un programma di automazione degli ordini per i propri clienti. Parola d’ordine automazione Un percorso innovativo che, fatte le dovute proporzioni, anche John Deere ha da tempo intrapreso nel segmento delle grandi raccoglitrici semoventi e…

Read More

Claas gamma “Lexion”, in pendenza come in pianura

Quanto mai ampia e profonda, la gamma “Lexion” di Claas è strutturata sulla base di quattro famiglie di mietitrebbia convenzionali e ibride in grado di rispondere a tutte le più attuali esigenze di raccolta. Ciò grazie anche al supporto offerto da soluzioni funzionali esclusive declinate in un’ottica di ottimizzazione dei rapporti costi/produttività Ogni coltura ha le sue necessità applicative e nessuna azienda agricola può prescindere dalle proprie esigenze di bilancio. Due priorità che però, causa della difficile congiuntura che sta attraversando l’agricoltura europea, rischiano di essere sempre più spesso in…

Read More

Gamma mietitrebbia Case Ih 2024: massima efficienza sempre

mietitrebbia case ih

Lanciate nel 1977, le mietitrebbia serie “Axial Flow” di Case Ih si imposero rapidamente sul mercato quali macchine in grado di operare sui più diversi raccolti a velocità impossibili per la diretta concorrenza e quindi con standard di produttività superiori. A tale plus abbinavano però anche un marcato rispetto per la granella e la paglia cui, in tempi più recenti, si aggiunse anche il rispetto per il suolo indotto dalla possibilità di sostituire le ruote anteriori con gruppi cingolati sospesi per via idraulica eventualmente abbinabili a un sistema idraulico di…

Read More