Kuhn: concepite per i grandi

Contoterzisti e grandi aziende agricole per minimizzare i tempi di lavoro e massimizzare le rese è bene che strutturino i rispettivi parchi macchine partendo dalle potenzialità operative delle attrezzature adeguando poi di conseguenza le potenze dei trattori. Sebbene sembri irreversibile l’emorragia delle aziende agricole in Italia, a oggi ne sono ancora censite circa un milione e centomila, volume lontano da quello in essere solo venti fa, circa un milione e 600 mila aziende, ma ancora ragguardevole. A cedere son state soprattutto le realtà meno strutturate, quelle di stampo famigliare, operanti…

Read More

Kuhn: robocop diventa agricoltore

Un cervello umano inserito in un corpo robotico per creare un essere meccatronico dalle elevate potenzialità operative. Questo, in sintesi, è ciò che veniva proposto dal film “Robocop”, uscito in Italia nel 1987. Il cervello era quello di un agente di polizia americano gravemente ferito nel corso di un conflitto a fuoco con dei malviventi, il corpo uno scheletro metallico gestito per via elettronica. Risultato finale un cyborg forte e invulnerabile, ma pur sempre dotato di un’anima e di una percezione umana del Mondo. A raggiungere un obiettivo analogo, ma…

Read More

Kuhn: obiettivo 50 tonnellate

La terra coltivabile è sempre meno, ma la richiesta di prodotti alimentari è in costante crescita. A dispetto quindi delle correnti che spingono verso agricolture alternative a bassa resa, l’intensificazione sostenibile appare la risposta più efficace alla crescente divaricazione fra quanto viene richiesto dai mercati e quanto possono fornire i campi rimasti. Per esempio, nelle aree geografiche ove zootecnia e produzione di biogas siano predominanti, una soluzione a tale dilemma è senz’altro il doppio raccolto. Nei 12 mesi dell’anno si può cioè far sì che il terreno non sia praticamente…

Read More

Inchiesta: la tempesta perfetta

Impianti produttivi fermi. Attività commerciali congelate. Servizi di assistenza ridotti all’indispensabile. Covid-19 si è abbattuto come una tempesta sulla meccanizzazione agricola, mettendo in crisi l’intero comparto. Le ripercussioni, gli scenari e le prospettive nelle parole di chi ha una visione privilegiata del mercato. Non c’è pace per la meccanizzazione agricola. Sopravvissuta alla crisi economica del 2008 e ai continui upgrade motoristici imposti dalle ansie ambientaliste di pochi, se la deve vedere ora con un’ennesima tempesta che lo scrittore Sebastian Junger non esiterebbe a definire “perfetta”, come dal titolo del suo…

Read More

Kuhn: veloci e delicate ma implacabili

La gamma delle falciacondizionatrici Kuhn si amplia con il nuovo modello “Fc 3115 R”, portato posteriormente e studiato per terreni difficili. Assicura produzioni di elevata qualità e tutela i manti erbosi veleggiando sul terreno grazie alla sua sospensione “Lift-Control”. Dopo un inverno avaro di piogge e reso ancora più arido da temperature sopra la media stagionale, la primavera ha anticipato i tempi, restituendo in parte una pluviometria più consona al periodo. Se la storia insegna qualcosa, però, è che le precipitazioni non pervenute in inverno spesso risultano generose nei mesi…

Read More

Kuhn: efficienza multipla

I carri miscelatori trainati serie “Profile Plus” di Kuhn trovano nel modello “17.1 Cl” la loro più importante novità 2020, un miscelatore capace di soddisfare le più diverse esigenze delle aziende zootecniche italiane. Nel linguaggio comune capita spesso che l’aggettivo “grande” sia usato quale sinonimo di “importante”, abbinamento non del tutto corretto in italiano e che si rivela poco aderente alla realtà quando riferito a macchine che, come i carri miscelatori trainati, devono operare in ambiti chiusi e angusti. In tali frangenti disporre di miscelatori grandi può rivelarsi problematico e…

Read More

Kuhn: massime performance sempre sotto controllo

Da Kuhn nuove soluzioni tecnologiche nei settori delle minime lavorazioni, della semina e dell’irrorazione. Con qualche novità in gestazione per la sostenibilità ambientale degli agrofarmaci Sempre di più, lo chiede il mercato, con sempre di meno, lo chiede l’opinione pubblica. Giusto o sbagliato che sia, l’agricoltura del futuro sarà obbligata a fornire rese maggiori utilizzando meno risorse possibili e impattando solo in modo minimale sull’ambiente. Più facile a dirsi che a farsi ovviamente, ma non per questo si deve parlare di “mission impossible”, soprattutto se si saprà enfatizzare la sostenibilità…

Read More